Scorfani alla siciliana

di Katiuscia Rotoloni 10/09/16
4498 |
|
Scorfani alla siciliana

Ingredienti per 4 persone: 

4 scorfani da circa 300 gr ciascuno, 3 pomodori cuore di bue, 20 olive di Gaeta schiacciate e denocciolate, 1 cucchiaio di capperi di Salina dissalati, 1 piccola cipolla di Tropea, un pezzetto di peperoncino, 2 cucchiai olio extravergine d’oliva., sale q.b.

Procedimento :

Eviscerare gli scorfani, tagliare le pinne pungenti, squamarli e lavarli sotto l’acqua corrente.

Sbollentare, spellare,  privare dei semi e tagliare a pezzi i pomodori. In un tegame con 2 cucchiai d’olio evo far stufare la cipolla tagliata a velo, aggiungere le olive,  i capperi, i pomodori, salare e far cuocere per alcuni minuti con un pezzo di peperoncino.

Aggiungere gli scorfani, coprire con due mestoli di fumetto di pesce o, se non disponibile, di acqua e far cuocere per circa 20 minuti con un coperchio. Girarli delicatamente a metà cottura, aggiungendo altro fumetto caldo se necessario e scoperchiare. Aggiustare eventualmente di sale a fine cottura.

Servire caldi con il sughetto, accompagnati da crostini di pane.

Vino in abbinamento 

San Sisto Castelli di Jesi Verdicchio Classico Riserva Docg Fazi Battaglia 


 

Un vino in grado di segnare i confini di dove può arrivare il Verdicchio. Il colore è giallo paglierino carico, con riflessi dorati che appaiono dopo qualche anno di affinamento in bottiglia. I profumi sono intensi e complessi, con i sentori fruttati che si fondono in modo armonico ed elegante con quelli di vaniglia e di burro di arachide caratteristici della permanenza in rovere. La struttura è importante, ii sapori sono intensi e la longevitàè eccezionale per un bianco, ai livelli dei più grandi vini internazionali.

Zona di produzione: Castelplanio (AN). Da un vigneto di 30 ettari in località San Sisto, a 350 metri sul livello del mare, sono stati scelti i 12 ettari che per composizione del terreno e microclima sono ideali per la produzione delle uve destinate a questo cru. Il vigneto è allevato a spalliera, con 3.000 viti per ettaro; la produzione per pianta è di 2,5 chili di uva per un totale di massimo 75 quintali per ettaro.

Vitigni: verdicchio in purezza.

Produzione: il processo produttivo è improntato alla massima cura dei particolari, a partire dalla selezione delle uve, fino alla scelta delle botti e dei lunghi tempi di affinamento. La fermentazione avviene già in barrique di rovere francese, ben dosate tra primo, secondo e terzo passaggio, dove San Sisto resta a maturare per 10-12 mesi. Successivamente si ha almeno un altro anno di affinamento finale in bottiglia.

Gradazione alcolica: 13,5%

Temperatura di servizio: 12-14°C.

Abbinamenti consigliati: ideale abbinato con primi piatti marinari, pasta all’uovo, pesci al forno, e carni bianche in genere.  

QUESTA RICETTA È OFFERTA DA FAZI BATTAGLIA 





Editoriale della Settimana

Eventi

https://www.gruppoitalianovini.it/index.cfm/it/brand/tenuta-rapitala/
https://www.ninofranco.it/

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter "DoctorWine" per ricevere aggiornamenti ed essere sempre informato.

CANALE YOUTUBE

I NOSTRI CANALI SOCIAL